Elezioni del Consiglio regionale: i nostri candidati – Virginia Camoletto

Virginia Camoletto

Virginia Camoletto è nata nel 2001, ed è maggiorenne da pochi giorni. Studia presso l’Istituto Edoardo Agnelli di Torino, dove frequenta la V liceo scientifico e dove fra poche settimane affronterà l’esame di maturità. È stata sempre attiva nell’ambito scolastico, sia come rappresentante degli studenti, sia nell’ambito delle numerose attività che la scuola ha proposto, dalla partecipazione al progetto “zero robotics”, alla sperimentazione di alternanza scuola lavoro, svolta per un periodo in Inghilterra in un pub sulla costa inglese.

Ha maturato un interesse alla politica da poco tempo. Ecco cosa ci dice.

“Sei giovane” 

“Ma con la Maturità come fai?” 

“Pensa a studiare piuttosto” 

“Studia e poi potrai fare quello che vuoi” 

“Ma lascia perderei è una causa persa” 

“La politica ti corromperà” 

“Hai ancora tempo per ricrederti” 

“Una ragazza a queste cose non dovrebbe pensare” 

“Goditi la giovinezza”

Questi sono solo alcuni dei commenti ricevuti da varie persone. Sui social e non… Sì sono giovane, ho solo 18 anni compiuti da 12 giorni. Sono inesperta. Il massimo che ho fatto politicamente è stato militare con l’Associazione Aglietta sotto pioggia, neve e sole.

Sono giovane ma non sono cieca. I miei 18 anni non mi rendono meno sensibile ai problemi del mondo di qualcuno che ne ha 40,50,60… Più ignorante riguardo a certi argomenti? Certamente. Fino a un paio di mesi fa non sapevo come si facesse una campagna elettorale, non pensavo avrei mai parlato in pubblico a nome di un partito. Fino a un paio di mesi fa’ non credevo neanche che una diciottenne potesse candidarsi in consiglio regionale. Però ho cambiato idea. Ho imparato cos’è una campagna elettorale, ho imparato a parlare a un microfono senza che mi tremasse troppo la voce, ho Imparato che anche qualcuno di 18 anni, se ci crede, può provare a candidarsi in consiglio regionale.

Sarò franca… Inizialmente non credevo fosse una buona idea accettare la cosa. Ho detto sì solo di slancio, ma ho subito pensato di ritirarmi. Era meglio aspettare almeno di avere finito l’università in 5 anni o più per potermi dire pronta ad affrontare il mondo della politica… Però io non so che mondo troverò tra 5 anni o più. Sarà migliore? Sarà peggiore? Sarò morta? Ci saranno guerre e povertà? Ci sarà una rinascita economica? Non ne ho la minima idea. Quello che so è quello che vedo ora… Razzismo, omofobia, fascismo… E tutto quello che vedo lo detesto. Vedo la gente lasciata a morire in mare e i padri che stuprano le figlie perché sono omosessuali. Vedo miliardi spesi per ricostruire un patrimonio dell’umanità, ma rifiutati all’umanità stessa che nel mondo muore di fame. Vedo la gente che ha paura dei vaccini, che non si fida più dello Stato e che preferisce non riflettere più e affidarsi completamente a uomini che fanno promesse chiaramente false.

Se ho l’opportunità di fare anche solo una minuscola differenza in tutto questo, perché non dovrei accettarla? 

Io sono una scommessa. Sono solo una “ragazzina” che al momento sa solo basarsi su ciò che sente sia giusto o sbagliato. Non posso garantire nulla a nessuno di voi. Posso solo donare la mia voce, la mia rappresentanza e le nottate insonni a trovare soluzioni ai problemi di questa regione. Posso garantirvi una lotta incessante a difesa degli emarginati. Una lotta che avrà lo scopo di rendere questa Regione un luogo fertile per la rinascita di un amore per la Democrazia Italiana vera, per l’Europa e per tutti gli esseri umani qualunque sia la loro provenienza, religione, genere o orientamento sessuale.

La scelta è tua. Io non posso fare altro che che chiedere la tua fiducia.

#scommetticontroilsovranismo

I commenti sono chiusi